AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC
Ricerca

Ricerca Avanzata










Comunicati Stampa



Data Comunicato 27/01/2020
Titolo NOEMI COSTANZO E’ IL NUOVO SINDACO DEI RAGAZZI DEL COMUNE DI BRONTE
Testo
BRONTE – (27 gennaio 2020) – Il Comune di Bronte ha un nuovo sindaco dei ragazzi con tanto di Giunta e di Consiglio.
Si è svolta, infatti, nella sala consiliare la proclamazione del nuovo “baby sindaco”, alla presenza non solo del primo cittadino Graziano Calanna, del presidente del Consiglio comunale Nino Galati e di numerosi consiglieri comunali, ma anche di numerosi genitori.
Presenti anche le dirigenti Grazia Emanuele del I Circolo, Maria Magaraci della Scuola media e Gabriella Spitaleri del II Circolo. Con loro il preside Giuseppe Adernò, ideatore nel 1993 del progetto didattico «Consiglio Comunale dei ragazzi» ed oggi diffuso in più di 800 Comuni italiani. 
Presente anche Giada Greco, baby sindaco uscente, che ha consegnato la fascia tricolore al sindaco Graziano Calanna.
E le elezioni per il sindaco ed il Consiglio dei ragazzi hanno visto primeggiare Noemi Costanzo del II Circolo candidata con la lista “In futuro nelle nostre mani”, seguita da Giulia Cordaro ed Alice Corsaro che Noemi ha chiamato a far parte della sua Giunta.
Per il Consiglio comunale, invece, sono stati eletti: Filippo Saitta, Giorgia Imbrosciano, Alessia Schilirò, Paolo Merito, Pia Miriam Catania, Gaia Sanfilippo, Samuele Cirami, Rita Aurora Nicolosi, Greta Ciraldo, Mattia Zingale, Sofia Elfio, Vincenzo Belfiore, Sofia Currao, Chiara Uccellatore, Beatrice Calì e Matteo Prestianni.
Emozionante il momento della proclamazione con la piccola Noemi che ha giurato per prima davanti al sindaco appoggiando le mani sulla Costituzione, seguita poi dal giuramenti di tutti gli eletti.
“Grazie a questo progetto – ha affermato l’assessore alle politiche scolastiche del Comune, Chetti Liuzzo – i ragazzi hanno non soltanto appreso le nozioni di educazione civica, ma hanno capito come si fa politica”.
Ed il sindaco Graziano Calanna ha messo a disposizione dei nei piccoli amministratori anche la somma di 2000 euro: “E’ bello - ha affermato – immaginare che fra questi ragazzi vi siano i rappresentati istituzionali del futuro. E per la far fare loro un’esperienza più reale possibile, abbiamo previsto in bilancio una somma che i ragazzi dovranno gestire. Avranno così modo di pensare a cosa è più importante, individuare delle priorità, cui ogni amministratore, non potendo per questioni di risorse fare tutto, deve ogni giorno misurarsi”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 25/01/2020
Titolo BRONTE HA FESTEGGIATO I 107 ANNI DI NONNA LUCIA CASTIGLIONE
Testo
BRONTE – (25 gennaio 2020) – Avere 107 anni e sentirli appena. Non è assolutamente retorica. Nonna Lucia Castiglione di Bronte ha festeggiato la sua bella età in buona salute e partecipando attivamente alla festa organizzata dai nipoti nel residence per anziani che la ospita, il San Vincenzo De Paoli di Bronte, gestito dalla cooperativa Eracle diretta dalla dottoressa Tiziana Tardo.
Nonna Lucia, infatti, ha ricevuto gli auguri dialogando con tutti ed ha scartato i suoi regali senza essere assolutamente aiutata. Poi ha recitato una poesia che conosce praticamente da 100 anni, perché l’ha imparata quando ne aveva 7 ed ancora ne ricorda perfettamente i versi, e quando in sottofondo ha sentito la melodia di “un mazzolin di fiori”, non ha resistito ed al microfono ha cominciato a cantare, anche con una buona intonazione.
E’ stato tutto questo la festa per i 107 anni della nonna fra le più longeve d’Italia, Lucia Castiglione, attorniata dall’affetto dei suoi nipoti. Nonna Lucia, infatti, da sempre casalinga, non ha avuto figli ed ha riservato il suo affetto ai figli delle sue 3 sorelle e 2 fratelli, che purtroppo non ha più.
Alla festa hanno partecipato il sindaco, Graziano Calanna, gli assessori Chetti Liuzzo e Cristina Castiglione ed il consigliere comunale Angelica Catania. Presente anche il sindaco dei ragazzi di Bronte, Noemi Costanzo, appena eletta assieme agli assessori dei ragazzi Alice Corsaro e Giulia Cordaro.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 24/01/2020
Titolo CONSEGNATI I LAVORI DI ADEGUAMENTO DELL’ELISUPERFICE NOTTURNA
Testo
BRONTE – (24 gennaio 2020) – Si alza notevolmente il livello di sicurezza sanitaria nel territorio di Bronte. Il sindaco Graziano Calanna, ha consegnato all’impresa che si è aggiudicata l’appalto i lavori di adeguamento dell’elisuperfice notturna, realizzata dalla Città metropolitana in contrada Sciara Sant’Antonio.
Presenti alla consegna dei lavori oltre al sindaco ed all’impresa, il vice sindaco Gaetano Messina, l’assessore Giuseppe Di Mulo, il responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune, ing. Salvatore Caudullo e diversi tecnici comunali.
“Vale la pena ricordare come quando ci siamo insediati – spiega il sindaco Graziano Calanna – questa struttura non era ancora stata consegnata dall’ex Provincia al Comune, non era funzionante ed era già stata vandalizzata. Quando la Città metropolitana ha iniziato l’iter per la consegna della struttura era ovvio che pretendessimo che ci venisse assegnata pronta per essere utilizzata.
L’interlocuzione con i funzionari dell’ex Provincia – prosegue - ci ha permesso di trovare un accordo che evita ai cittadini brontesi di sborsare quattrini. Il Comune procede all’adeguamento della pista, ma utilizza il 5% della Tari che ogni anno il Comune di Bronte è tenuto a versare alla Città metropolitana di Catania”.
“I lavori – spiega il vice sindaco Gaetano Messina - prevedono che la pista venga resa, finalmente, perfettamente funzionante e dotata di tutti i sistemi di sicurezza necessari per svolgere i servizi di Protezione civile. L’intera area verrà ripulita dalle erbacce, la strada di accesso verrà illuminata,  gli impianti, idrico, elettrico ed antincendio, prima mancanti, saranno realizzati e gli uffici che sono stati vandalizzati ovviamente sistemati. Grande attenzione – conclude - verrà posta agli impianti necessari alla sicurezza dell’atterraggio e del decollo degli elicotteri”.
Il tempo previsto in appalto per la conclusione dei lavori è di 60 giorni.
“Realizziamo – conclude l’assessore Di Mulo – un’opera importante per la città e per il territorio, ponendo rimedio ad evidenti errori commessi in passato”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 22/01/2020
Titolo BRONTE PRESENTA “DAL VERDE AL VIOLA - I COLORI DI UNA VITA” DI GIUSI LIUZZO
Testo
BRONTE – (22 gennaio 2020) – Domani sera alle ore 18, all’interno della Pinacoteca Nunzio Sciavarrello di Bronte, si terrà la presentazione del libro “Dal verde al viola - I colori di una vita” (Carthago, 2018) di Giusi Liuzzo.
La prof.ssa Giusi Liuzzo è presidente dell'Archeoclub di Catania ed è conosciuta per le sue battaglie che hanno permesso di riscoprire diversi monumenti.
L'iniziativa è organizzata nell’ambito delle attività culturali organizzate dal Comune di Bronte e dalla Pinacoteca “Nunzio Sciavarrello”.
Con l’autrice saranno presenti il sindaco Graziano Calanna, l’assessore Chetti Liuzzo, il dott. Carmelo Indriolo presidente della Pinacoteca e Margherita Guglielmino e Giuseppe Pennisi della “Carthago”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 18/01/2020
Titolo BRONTE CHIEDE FONDI PER PROTEGGERE I FRUTTETI DALLE ALLUVIONI DEL SIMETO
Testo
BRONTE – (18 gennaio 2020) – L’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Graziano Calanna, coglie al volo l’opportunità - a tempo strettamente limitato e nel pieno delle feste di fine ed inizio anno - messa a disposizione dei Comuni nell’ultima legge di bilancio e chiede al Governo Conte ben 411.491 euro di contributi per redigere la progettazione esecutiva di tre importanti interventi sulla mitigazione del rischio di dissesto idrogeologico.
Si tratta di due progetti che riguardano la realizzazione degli argini sul fiume Simeto in quelle zone vocate a frutteti, ed un progetto di consolidamento nel centro urbano, in contrada Scibilia.
“Il Governo nell’ultima finanziaria – ci dice il sindaco – approvata il 27 dicembre scorso ha inserito una norma che consentiva ai Comuni di chiedere questi fondi. I tempi erano molto stretti. L’intera documentazione, infatti, doveva essere inviata entro il 15 gennaio. Noi a Bronte, abbiamo la fortuna di avere un valido Ufficio tecnico ed equipe di giovani consulenti esperti e preparati che già hanno portato a Bronte milioni e milioni di euro di finanziamenti. La loro attenzione a leggere i bandi e scovare ogni opportunità per la Città, ci ha permesso di non perdere questa occasione”.
Nel dettaglio gli interventi su cui è stato richiesto il contributo per rendere esecutivi i relativi progetti sono i 2 progetti di “sistemazione idraulica mediante la realizzazione di argini a salvaguardia della produttività dei terreni agricoli ed infrastrutture pubbliche posti in prossimità del fiume Simeto nelle contrade Gollia, Serra, Barbaro, Ricchiscia e Marott”, cui si aggiunge il progetto di “consolidamento del centro abitato a monte del Viale Cavalieri di Vittorio Veneto in contrada Scibilia”.
“La nostra idea – conclude il sindaco Graziano Calanna – è quella di realizzare un parco progetti esecutivi utili per partecipare ai futuri bandi. Attualmente il livello di questi progetti è solo preliminare. Se la richiesta sarà accettata e finanziata, potremmo procedere a pubblicare le gare a cui potranno partecipare i tecnici specializzati negli interventi su rischi idrogeologici”.
E la scelta ha ricevuto il plauso da parte dei tanti imprenditori agricoli che ogni anno, quando piove eccessivamente, vedono i propri terreni inondati dalle acque del Simeto.
“L’economia di una città come Bronte – conclude il sindaco – si basa su tanti aspetti. A Bronte sulle rive del Simeto vi sono fra le più fiorenti produzioni di pesche e pere che abbiamo il dovere di tutelare”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 16/01/2020
Titolo BUONA PRATICA: BRONTE CONTROLLA I SOLAI DELLE SCUOLE PRIMA CHE CADANO
Testo
BRONTE – (16 gennaio 2020) – Prende il via a Bronte un’imponente campagna di verifica sull’affidabilità statica dei solai di 4 edifici scolastici comunali.
L’Amministrazione, guidata dal sindaco, Graziano Calanna, infatti, ha ottenuto un finanziamento di 28 mila euro appositamente per queste verifiche. Gli edifici interessati sono la scuola media Luigi Castiglione ed i 3 plessi del secondo Circolo didattico “Marconi”, “Mazzini” e “Sciarotta”.
Il finanziamento è stato possibile grazie ad un bando pubblicato dal Miur (Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca) che ha chiesto ai Comuni di candidarsi per finanziare i sondaggi ai solai.
“E noi non abbiamo perso l’occasione. – afferma il sindaco Graziano Calanna – Quante volte abbiamo letto sui giornali che in una classe è venuto giù un solaio.
Una delle maggiori ragioni di insicurezza nelle scuole italiane è il crollo di intonaco dai soffitti. Pensate che tra settembre 2018 e luglio 2019 Cittadinanzattiva ha registrato un crollo ogni 3 giorni in tutto il Paese.
Bisogna quindi prevenire e fare le opportune verifiche. – ha aggiunto - Per questo, appena pubblicato il bando, abbiamo subito presentato la nostra candidatura, che oggi è stata premiata dal Ministero”.
Il Miur infatti ha erogato 7000 euro ad istituto, una somma sufficiente per consentire ai tecnici di effettuare le indagini utilizzando strumentazione all’avanguardia.
“Questa – aggiunge l’assessore alle politiche scolastiche Chetti Liuzzo – è la dimostrazione dell’attenzione che questa Amministrazione ha sempre rivolto verso il mondo della scuola. Tutto quello che potevamo ottenere in termini di iniziamento, lo abbiamo ottenuto”.
“Queste indagini sui solai – spiega il vice sindaco Gaetano Messina che è un ingegnere - sono utilissime non solo per permetterci di prevenire il rischio di crolli, ma per individuare la tipologia dei problemi. Così in futuro si potranno programmare interventi mirati senza più  sprecare più risorse con interventi di manutenzione generici”.
Presto quindi una equipe di tecnici effettuerà i saggi che forniranno al Comune un’analisi sullo stato di salute dei solai e sulle loro criticità.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 14/01/2020
Titolo A FINE MESE RIAPRE IL GRANAIO DEL CASTELLO NELSON
Testo
BRONTE – (14 gennaio 2020) – Dopo la ripresa dei lavori, al Castello Nelson di Bronte si lavora speditamente.
Già a fine mese, infatti, il granaio potrebbe essere completato e riaperto al pubblico. Ad annunciarlo è il sindaco, Graziano Calanna, alla fine dell’ennesimo sopralluogo in cantiere.
“Insieme con il geometra del Comune Nino Saitta, Rup (responsabile unico del procedimento) dei lavori – afferma Calanna – spesso effettuiamo dei sopralluoghi per verificare che i lavori procedano rapidamente. E così, dai tecnici dell’impresa abbiamo avuto conferma che i lavori al tetto del granaio sono stati completati e che a fine mese potrà tornare ad essere restituito ai turisti. Il granaio, infatti, - continua il sindaco – ospita i resti delle fondamenta dell’antica chiesa distrutta dal terribile terremoto del 1693 e portati alla luce dagli scavi.
Sarà l’occasione – continua - per riaprire al pubblico una parte del Castello dopo i ritardi che questi lavori purtroppo hanno subito, certamente non per colpa del Comune”.           
Già perché nel cantiere del Castello Nelson si è tornati a lavorare intorno il 10 dicembre, dopo mese e mesi di stop derivato da liti all’interno del Consorzio di imprese che si era aggiudicato i lavori.
“Ma non solo per questo – aggiunge Calanna - Abbiamo, infatti, dovuto affrontare e risolvere i gravissimi errori progettuali che abbiamo ereditato. Pensate che il progetto iniziale non prevedeva l’abbattimento delle barriere architettoniche, precludendo l’accesso ai diversamente abili e non prevedeva i lavori nel tetto del granaio che grondava acqua. Comunque acqua passata, – conclude – puntiamo a riaprire il granaio presto ed a completare i lavori nell’intero Castello prima possibile”.
Ed i lavori in tutto il complesso monumentale prevedono fra le altre cose la pulizia dei prospetti degli edifici, la manutenzione degli infissi e degli impianti, con i cortili che saranno ripavimentati. Particolare attenzione sarà posta all’umidità che assale gli antichi e grossi muri.
“Non vediamo l’ora che sia completo – aggiunge il sindaco - anche per inaugurare il nuovo museo multimediale che realizzeremo grazie ad un finanziamento di 296 mila euro ottenuti dalla Regione siciliana. Grazie a questi fondi – spiega Graziano Calanna – chi si recherà in futuro al Castello vedrà ricostruzioni ed immagini tridimensionali che descrivono la storia del Castello Nelson o dei “Fatti del 1860”. Insomma – conclude Calanna – daremo lustro e modernità al nostro Castello, con l’obbiettivo di valorizzarlo e di aumentare il numero di visitatori, con le ovvie ricadute economiche sul territorio”.
E che il Castello Nelson sia una meta particolarmente ambita lo dimostra che il fatto che prima che iniziassero i lavori ogni anno arrivavano non meno di 30 mila visitatori. 

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 09/01/2020
Titolo BRONTE INVESTE 15.000 EURO PER PIANTARE ALBERI
Testo
BRONTE – (9 gennaio 2020) – C’era una volta un legge che obbligava i Comuni a porre a dimora un albero nel proprio territorio per ogni  bambina e bambino che fossero nati.
In pochi, o forse nessuno l’ha rispettata in pieno.
Vuoi per problemi di bilancio o per non riuscire poi ad effettuare la necessaria manutenzione, nei centri abitati di alberi ne vengono piantati sempre meno.
Il Comune di Bronte, invece, decide di andare in controtendenza. Dopo aver ottenuto milioni di euro di finanziamenti per l’efficentamento energetico e far pesare i rifiuti dei propri cittadini al fine ai aumentare la raccolta differenziata e diminuire la tassa sui rifiuti, all’interno di un piano ben preciso che guarda alla valorizzazione dell’abitato ed alla salvaguardia dell’ambiente, ha deciso di investire ben 15 mila euro per piantare alberi.
“Proprio così. – ci dice il sindaco Graziano Calanna – Gli alberi sono nostri amici perché producono ossigeno e puliscono l’aria, sono alleati del clima e del suolo e contribuiscono al nostro benessere psico-fisico. Le città con tanti alberi poi sono più belle. Ed allora perché non investire piantando alberi?” Per questo il sindaco Graziano Calanna, ha allestito una vera taske force, guidata dal commissario in pensione del Corpo Forestale, Enzo Crimi, autore di diverse pubblicazioni sull’ambiente.
La loro mission è quella di allestire un progetto ed individuare, con le risorse disponibili, tutte le aree del centro abitato che potessero ospitare alberi.
“Sarà l’occasione per arricchire di verde la nostra Città – continua a spiegare Calanna – e per migliorare il verde urbano. Assieme agli alberi faremo il possibile per decorare al meglio le aree verdi con aiuole e cespugli decorativi. Alcune aree sono già state individuate, anche se ancora il progetto non è completo e definitivo. Molte di queste sono vicino agli istituti scolastici che coinvolgeremo”.
Ed il progetto redatto da Crimi già dal nome mostra tutta la sua ambizione. E’ intitolato “Forestazione urbana” nel rispetto non solo dei dettami europei e con l’ambizione di piantare essenze alboree ormai dimenticate. “Proprio così – conclude Calanna – pianteremo anche alberi da frutto un tempo molto popolari in Sicilia, ed oggi praticamente dimenticati. Li riproporremo per recuperarne la funzione produttiva, paesaggistica e soprattutto tradizionale”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 04/01/2020
Titolo 7 GENNAIO DATA STORICA PERCHÉ A BRONTE SI PESANO I RIFIUTI E SI SCONTA LA TARI
Testo
BRONTE – (4 gennaio 2020) – Il 7 gennaio diventa una data storica per Bronte e per il suo “ecosistema urbano”. La citta del pistacchio, infatti, punta a candidarsi come cittadina “green” e pone le condizioni per alzare ancora di più le percentuali di raccolta differenziata.
Dopo essere stata campione nella ricerca e nell’ottenimento dei finanziamenti per l’ “Efficientemente energetico”, Bronte il 7 gennaio inaugura il nuovo servizio di pesatura dei rifiuti differenziati, che permetterà a chi farà pesare i rifiuti correttamente differenziati di risparmiare nella bolletta della Tari.
Il sindaco, Graziano Calanna, quasi non sta nella pelle ed, insieme con l’assessore Giuseppe Di Mulo e l’ing. Marco Meli, ha effettuato un sopralluogo nel Ccr (Centro comunale di Raccolta), dove è stata posta la bilancia pesa rifiuti, per verificare che tutto fosse realmente pronto.
“Pensate – afferma il sindaco – che quando mi sono insediato la differenziata era intorno al 13%. Oggi siamo oltre al 60%. Un dato che ci ha già permesso di abbassare la Tari del 5% per tutti. Negli ultimi 13 anni le tasse non erano mai state abbassate. Adesso – conclude - con questo nuovo sistema potremo premiare ancor di più chi differenzia correttamente”.
Ed il sistema è semplice. Basta recarsi al Ccr, che sarà aperto ogni giorno dalle 8 alle 17, mentre il sabato e la domenica fino alle 12, e presentarsi con un sacchetto di qualsiasi rifiuto ben differenziato e pesante più di un chilo.
Si potrà pesare di tutto ad eccezione dell’umido e dell’indifferenziato. Bisognerà avere con se la tessera sanitaria dell’intestatario della bolletta Tari da consegnare ad un operatore chela inserirà nella bilancia. Pesati i rifiuti consegnerà all’utente uno scontrino. Il dato confluirà agli uffici del Comune che, nel rispetto di un regolamento, applicheranno lo sconto in bolletta.
“Un altro obiettivo dell’amministrazione Calanna è stato raggiunto. – ha concluso l’assessore Giuseppe Di Mulo – Adesso chi differenzia di più avrà un maggiore risparmio sulla bolletta”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 01/01/2020
Titolo DELIBERATE LE SOMME PER ACQUISIRE I TERRENI PRIVATI DI VIA MARATONA
Testo
BRONTE – (1 gennaio 2020) – “Adesso non ci dovrebbero più essere ostacoli burocratici. Con l’impegno di spesa per l’acquisizione dei terreni privati, il Comune potrà pensare, senza ostacoli, a completare il secondo tratto di via Maratona. Stiamo finalmente risolvendo un problema su cui mi batto fin da quando sono diventato consigliere comunale”.
E’ la dichiarazione soddisfatta del sindaco, Graziano Calanna, subito dopo l’approvazione in Giunta della delibera che impegna la somma di 53.846 euro per l’acquisizione di un lungo fazzoletto di terreno, appartenente a diversi proprietari, sito proprio dove in questo momento si trova la via Maratona ancora in parte in terra battuta.
“Con il completamento del secondo tratto – aggiunge Graziano Calanna – finalmente tutti i disagi che i residenti finiranno. Pensate che quando sono stato eletto consigliere, quindi circa 15 anni fa, i residenti si sono rivolti a me per farmi notare come in pieno centro abitato (la strada si trova fra la linea ferrata della Circumetnea ed il viale Kennedy), vi fosse questa strada ancora in terra battura, senza fognatura ed illuminazione e quindi con il rischio di gravi condizioni anche di natura igienico sanitaria.
I problemi – continua - erano tanti e fra questi il fatto che per raggiunge il vicino viale Kennedy si dovevano attraversare diverse particelle di terreni privati che, ovviamente, rivendicavano dei diritti. Piano piano – continua – si è riusciti a garantire la certezza del transito, un tempo impedita anche dalla presenza di un cancello, e siamo riusciti anche a realizzare parte dell’illuminazione e della fognatura.
Adesso – conclude – con l’acquisizione di questi terreni il Comune può realizzare una via pubblica degna di questo nome, ed io ringrazio il consigliere Giuseppe Currenti per aver sempre garantito sostegno ed aiuto”.
Ed infatti, i progetto della realizzazione della via Maratona è inserito nel piano triennale delle opere pubbliche. “Aver reperito le somme per l’acquisizione dei terreni – conclude Calanna – è l’esplicito segnale che questa Amministrazione intende realizzare la strada. La nostra attenzione nei confronti di via Maratona è sempre stata massima e non finirà fino a quando i residenti non avranno gli stessi servizi di tutti i brontesi”.    

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto